sabato 29 marzo 2014

Alla fine deve vincere il bene

Domenica 12 aprile ore 16.00

Incontro con Carolina Porcaro: “Alla fine deve vincere il bene”

«Ringrazio nostro Signore per aver scelto me per essere la mamma di Lorenzo. E’ stato un grande dono, non lo ringrazierò mai abbastanza per avermelo dato in questi anni, anche se la separazione terrena è lacerante. La morte ci fa ricordare che la nostra vita è una prova. Ci sono giorni, ci sono dolori. Dobbiamo apprezzare ogni piccola cosa e rispettare la vita. Vorrei che tutti oggi potessimo tornare a casa lasciando da parte ogni rancore, per un rinnovato senso di amore. Vorrei fare arrivare il mio abbraccio al ragazzo che mi ha tolto il figlio e ai suoi genitori, in attesa di un incontro, perché deve vincere il bene. Soprattutto a voi ragazzi vorrei dire che mai dobbiamo permetterci di offendere una persona ma imparare a essere un po’ più umili, a non permettere che prevalgano l’egoismo e la prepotenza ma che il rispetto sia la regola di una vita gioiosa e fraterna. Grazie, vi voglio bene. La mamma di Lorenzo»: parole scritte su un foglio da Carolina Porcaro e lette da un’amica il 18 agosto 2011 alla messa di addio per il figlio Lorenzo Cenzato – ucciso da un coetaneo dell’Ecuador – celebrata nella chiesa di Cristo Re di Sovico, Monza.

Altre parole – già impegnative – Carolina le aveva dette all’indomani dell’uccisione del figlio, avvenuta il 10 agosto, all’indirizzo dell’uccisore: “Mi dispiace per lui, per tutto quello che dovrà sopportare e superare e mi dispiace per i suoi genitori. Sicuramente non voleva uccidere mio figlio e spero che questa storia sia di esempio per tutti i giovani. L’odio bisogna metterlo da parte, la vita merita rispetto da parte di tutti”. Il suo era stato subito affidamento al Signore non disgiunto – nell’immediatezza della tragedia – dalla giusta avvertenza della confusione dei propri sentimenti: “Non ho bisogno di perdonare chi ha ucciso mio figlio, perché nemmeno per un attimo ho pensato di odiarlo. È la fede che mi dà la forza di essere serena, o forse ancora non mi rendo conto di quello che è successo veramente”.

Le parole di Carolina lette in chiesa le ho trascritte da un video che trovi in Youtube: “Celebrati i funerali di Lorenzo Cenzato. La madre rinnova il perdono all’assassino”. Vedi anche Avvenire del 19 agosto 2011 a pagina 13 e Corriere Milano dello stesso giorno a pagina 5.
CON NOI SABATO 12 APRILE ORE 16,00...PER PORTARE LA SUA ESPERIENZA DI VITA E DI PERDONO......


Guarda le foto dell'incontro

Nessun commento:

Posta un commento

Invia il tuo commento